Spuntano i primi dentini: ecco cosa fare

Spuntano i primi dentini: ecco cosa fare

Dolore, fastidio, salivazione abbondante, febbre, diarrea, avete già capito di cosa stiamo parlando? Ecco qualche altro suggerimento: notti insonni e pianto (del bambino e perché no, anche della madre). Spesso questi sintomi vengono attribuiti, tra il quinto e l’ottavo mese di vita del bambino, all’eruzione dei dentini. Non è sempre così. Scientificamente l’eruzione di un […]

Leggi tutto
bambini-e-social-network-centro bimbi

Foto di minori sui social: quali sono i rischi?

Siamo invasi dai social network ma soprattutto siamo invasi da immagini condivise sui social. Spesso protagonisti di queste immagini sono i bambini. Ma è giusto che i genitori espongano la vita dei propri figli su internet?

C’è chi pensa che possa essere pericoloso esporre i propri figli e chi invece non ci trova nulla di male.

Sul sito americano The Atlantic vengono spiegati i rischi che si corrono quando si parla di bambini sui social.

Ad esempio uno fra tutti è il furto d’identità. Scrivendo data di nascita e nome basta un attimo.

Anche il problema della sicurezza non è sa sottovalutare. Sul sito viene raccontato l’episodio di una blogger che ha pubblicato le foto dei suoi gemelli mentre imparavano a usare il vasino.

In seguito ha scoperto che degli sconosciuti avevano avuto accesso alle foto, le avevano scaricate, modificate e condivise su un sito di pedofili.

Infine non dimentichiamoci che tutto ciò che viene pubblicato online resterà online per molto tempo e magari i vostri figli potrebbero non trovarsi d’accordo su quello che in passato avete mostrato di loro. Ricordatevi di non condividere nulla che non mostrereste in pubblico.

Leggi tutto
febbre-bimbo-centro bimbi catania

Influenza: già quasi mezzo milioni di bimbi a letto. Ecco cosa fare

Natale, per i più piccoli, significa magia, regali, cartoni animati, cuginetti. Ma anche termometro, fazzoletti e starnuti. Puntuale come le tasse, anche questo dicembre l’influenza è arrivata nelle case degli italiani. I bambini sono come al solito i soggetti più colpiti e la stagione invernale appena iniziata sembra voler infrangere ogni record in tal senso. Solo nella settimana di Natale ci sono stati quasi 450mila casi di influenza tra bambini con numeri piuttosto alti nella fascia 0-4 anni (dati Influnet). I genitori, specie se sono alle “prime armi”, non mancano di farsi prendere dal panico di fronte a una febbre alta e prolungata in un figlio particolarmente piccolo. Cosa fare, quindi, in questi casi?

Ecco i consigli di Maurizio De Martino, direttore della Clinica pediatrica 1 dell’Ospedale Meyer di Firenze.

Fate riposare il piccolo e assecondate la sua poca voglia di muoversi e di dormire.
La febbre non va abbassata a tutti i costi e con tutti i mezzi perché rappresenta un meccanismo di difesa dell’organismo.
Usate gli antipiretici solo in caso di malessere generale
Se il piccolo ha la tosse utilizzate degli umidificatori d’ambiente oppure esponete il piccolo a dei vapori (anche aprire la doccia calda e umidificare la stanza in questo modo va bene).
Fidatevi dei rimedi della nonna: latte caldo e miele sono ottimi alleati
Lavaggi nasali e aerosol possono dare un sollievo temporaneo ma se per il bimbo sono una tortura valutate se il gioco valga la candela.
Naturalmente ogni caso va valutato singolarmente quindi il primo e più importante consiglio è quello di rivolgersi al pediatra per una cura personalizzata. Ah, e non preoccupatevi troppo…

Leggi tutto
Bonus bebè 2016 raddoppia

Bonus bebè 2016 raddoppia

In Italia vi è un calo della natalità, lo hanno dimostrato le recenti inchieste demografiche. Ma perché si fanno così pochi figli? Sarà per mancanza di tempo, di voglia o di possibilità? Intanto lo stato cerca in tutti i modi di incentivare le nascite prima che si arrivi a quello che sarà definito “crac demografico”, […]

Leggi tutto
To Top