bambini-morbillo-centrobimbi

Morbillo: le precauzioni da prendere e i rischi che corrono i nostri piccoli

Siamo ancora a maggio ma già più di mille sono i casi di morbillo registrati in Italia, di cui molti sono bambini in tenera età.

Il morbillo è infatti un’infezione respiratoria che colpisce soprattutto i bambini da 1 a 3 anni ed è  abbastanza fastidiosa perché, oltre ai famosi e pruriginosi puntini rossi, comporta febbre, mal di gola e tosse e, nei casi più gravi, otite media, laringite, diarrea, polmonite ed encefalite. Le occasioni di contagio sono poi innumerevoli, perché il virus viaggia attraverso la saliva, il muco ma anche semplicemente il respiro.

La buona notizia, però, è che oggi è facilmente curabile e, una volta contratta, se ne diventa immuni a vita. Per raggiungere questa immunità però un’altra soluzione è senza dubbio il vaccino, che permette al bambino di sviluppare gli anticorpi necessari a combattere la malattia senza contrarla in forme più gravi.

Se il nostro piccolo però non è ancora in età da vaccino, quello che consigliamo è di stare attenti a non tenerlo vicino a bambini contagiati, o da poco guariti, e di monitorare sempre il suo stato di salute, confrontandosi ovviamente col proprio pediatra di fiducia.

To Top