child-computer-cute-159848

Come scegliere l’asilo nido: 5 consigli

Non sempre la scelta dell’asilo nido per il proprio piccolo è scontata. A volte si privilegiano le strutture vicino casa, altre volte la scelta è obbligata dalla mancanza di alternative.

Ma come si riconosce la qualità di un asilo nido, anche sotto l’aspetto psico-pedagogico?

  • Spazio ben distribuito ed organizzato. Il requisito fondamentale, soprattutto per una struttura privata, deve essere quello di possedere un ambiente pulito e uno spazio organizzato che favorisca lo sviluppo cognitivo. La norma UNI 11034 dispone, infatti, che la struttura debba curare al meglio sia gli spazi che gli arredi, allo scopo di garantire la sicurezza dei bambini.
  • Rispetto norme di sicurezza. Bisogna porre l’attenzione sul rispetto delle norme di sicurezza, come, ad esempio, la presenza di estintori aggiornati e il controllo costante della funzionalità delle uscite di emergenza.
  • Formazione degli educatori. Non è sufficiente la sola preparazione base degli educatori, ma anche i corsi di aggiornamento eseguiti, come, ad esempio, quelli relativi al soccorso pediatrico.
  • Progetto di inserimento. Un buon asilo nido prevede l’inserimento del bambino in modo graduale, magari con la presenza fisica, nei primi giorni, di un genitore.
  • Tematiche annuali. Normalmente un asilo nido sceglie un tema che accompagnerà i bambini nel corso dell’anno, effettuando su questa tematica varie attività di laboratorio. Le tematiche potrebbero interessare lo sviluppo psico-motorio, attività di manipolazione di materiali che sviluppino la creatività, competenze motorie, sensoriali, espressive e cognitive.
To Top